gli effetti del cbd

Quali sono gli effetti del CBD?

“Mens sana in corpore sano” dicevano gli antichi romani. Ma nella quotidianità è difficile cercare di mantenere un equilibrio, soprattutto se abbiamo una routine frenetica. Tuttavia esistono dei rimedi naturali, come il CDB, che grazie ai suoi numerosi effetti su corpo e mente possono aiutarci quando ci troviamo a dover affrontare disturbi fisici o psichici, migliorando di fatto la qualità della nostra vita. In questa breve guida, vedremo nel dettaglio cos’è il CBD e quali sono gli effetti sul nostro organismo.

Che cos’è il CBD

Il CBD è l’acronimo del cannabidiolo, uno dei due principali cannabinoidi contenuti nella Cannabis Sativa. Si tratta di una molecola organica ricavata da alcune parti di questa pianta e che negli ultimi anni ha destato un forte interesse da parte della comunità scientifica (specie in ambito medico) a causa delle sue innumerevoli proprietà benefiche per l’organismo, contribuendo così a sdoganare definitivamente il tabù che si era creato attorno alla sostanza, bollata ingiustamente come una sostanza pericolosa.

A differenza del THC (tetraidrocannabinolo), ossia l’altro cannabinoide contenuto nella pianta di canapa, il CBD non presenta alcun effetto di “sballo” sul cervello per coloro che lo assumono, configurandosi così come il principale ingrediente non psicoattivo della pianta di canapa. Ma quali effetti comporta la sua assunzione?

Gli effetti del CBD sul corpo

I numerosi benefici e l’immenso potenziale terapeutico del CBD rendono questo cannabinoide di fondamentale importanza per il benessere del nostro organismo, in quanto può agire su diverse tipologie di disturbi o problematiche. Vediamo ora quali sono i principali effetti del CBD sul corpo.

Effetti del CBD analgesici e anti-infiammatori
Il CBD agisce stimolando i recettori CB2, che risiedono nelle cellule T del sistema nervoso e a livello del sistema immunitario, favorendo così l’effetto anti-infiammatorio e immunomodulatore. Questo permette di alleviare il dolore e contrastare i sintomi infiammatori associati ai dolori cronici, senza dover ricorrere a farmaci o sostanze chimiche che possono generare dipendenza o tolleranza, costringendo il paziente ad assumerne quantità sempre maggiori per raggiungere l’effetto desiderato.

Effetto anticonvulsivo
Tra gli effetti del CBD c’è anche quello anticonvulsivo; il cannabidiolo potrebbe quindi essere utile nelle terapie per trattare l’epilessia infantile, ed è già alla base di diversi farmaci in fase avanzata di test. In questo campo, i progressi fatti negli ultimi anni, sebbene limitati, sembrano essere piuttosto promettenti.

Effetto antiemetico del CBD
Se soffrite di nausea o vomito gli effetti del CBD vi sorprenderanno. L’assunzione di cannabidiolo infatti può contribuire a mitigare la sensazione di nausea, promuovendo una diffusa sensazione di benessere.

Cura della pelle ed efficacia anti-acne
Anche l’industria cosmetica sembra essere sempre più convinta degli effetti benefici del CBD sulla pelle, grazie alle sue proprietà antiossidanti e lenitive che lo rendono un ottimo ingrediente per il trattamento di una grande varietà di patologie come acne, psoriasi e rossori. Inoltre, la sua funzione energizzante è in grado di rafforzare e rigenerare la nostra pelle, riducendo i radicali liberi e contribuendo a combattere i sintomi dell’invecchiamento della cute in modo naturale.

Gli effetti del CBD sulla mente

Dopo aver visto quali sono gli effetti del CBD sul corpo, scopriremo ora quelli sulla nostra mente. Negli ultimi anni diversi studi hanno analizzato il modo in cui il cannabidiolo agisce sul nostro cervello, dimostrando che, se assunto nelle quantità e nei modi consigliati, i suoi effetti possono cambiare in meglio la nostra routine quotidiana.

Il CBD migliora la qualità del sonno, contrasta ansia e depressione e allevia lo stress da lavoro. Il cannabidiolo, assunto prima di andare a letto, favorirà infatti un sonno profondo: ne beneficerà così non solo il nostro umore, ma anche la nostra salute. Sempre più persone infatti scelgono il CBD per combattere l’insonnia, senza doversi rivolgere a sonniferi chimici o farmaci potenzialmente pericolosi.

Non alterando la nostra mente, gli effetti del CBD favoriscono la creatività e la concentrazione. Se il nostro corpo e il nostro cervello sono equilibrati e sani, ne gioverà la nostra salute. Stati d’animo negativi infatti possono diventare sintomi e disturbi fisici in grado di degenerare in vere e proprie patologie. E’ per queste ragioni che recenti studi scientifici stanno indagando gli effetti benefici del CBD per il trattamento della depressione.

La sua efficacia è stata inoltre riscontrata non solo nel trattamento della psicosi e dei disturbi come l’epilessia e la schizofrenia, ma anche in quello di malattie di natura neurodegenerativa, quali l’Alzheimer o la sclerosi multipla. Questa azione neuroprotettiva è dovuta alle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti del CBD, e sono oggetto di sempre più studi scientifici da parte della comunità internazionale.

Quanto durano gli effetti del CBD?

Sempre più persone ricorrono al CBD per i suoi effetti positivi su corpo e mente; La durata dei suoi effetti però dipende dal metodo che andremo ad utilizzare per la somministrazione. In linea generale, queste sono le principali modalità d’assunzione del cannabidiolo:

Olio/gocce: l’olio di CBD viene assunto via sublinguale e per questo viene subito assorbito dalle mucose, entrando quindi rapidamente nel flusso sanguigno. L’ effetto dell’olio di CBD inizierà dopo circa 15-60 minuti e durerà dalle 4 alle 6 ore a seconda del dosaggio assunto e dalla concentrazione del principio attivo.

Capsule: le capsule vengono ingerite, per questo gli effetti del CBD sono legati ai tempi di digestione. I primi effetti del CBD arriveranno quindi dopo circa 30-90 minuti e la loro durata sarà di 6-8 ore, leggermente più lunga rispetto alla controparte assunta con il metodo sublinguale.

Inalazione: la vaporizzazione e il fumo possono attivare gli effetti del CBD molto rapidamente, ma ci sono alcuni svantaggi, in quanto con questi due metodi di somministrazione i polmoni sono esposti al calore, al catrame e ai vari sottoprodotti della combustione.

Uso topico: creme, balsami o lozioni utilizzate per dare un sollievo locale, attiveranno gli effetti del CBD dopo circa una quindicina di minuti e dureranno dalle 2 alle 4 ore. L’effetto è prettamente locale e difficilmente sarà avvertito a livello “mentale”.